Fuori pericolo il 17enne folgorato

BRINDISI – Sono stazionarie le condizioni del 17enne tarantino colpito da una violenta scarica elettrica mentre tentava di rubare cavi di rame da una cabina Enel, di viale 2 Giugno, del quartiere Paolo VI di Taranto. Il minore resta ricoverato nel reparto grandi ustionati dell’ospedale Perrino di Brindisi: il 17enne ha riportato ustioni sul 20% del corpo e rischia di perdere un dito del piede, sul quale si è scaricata l’elettricità. Si tratta di ustioni di secondo e terzo grado.

Il Centro Ustioni del Perrino di Brindisi

BRINDISI – Sono stazionarie le condizioni del 17enne tarantino colpito da una violenta scarica elettrica mentre tentava di rubare cavi di rame da una cabina Enel, di viale 2 Giugno, del quartiere Paolo VI di Taranto. Il minore resta ricoverato nel reparto grandi ustionati dell’ospedale Perrino di Brindisi: il 17enne ha riportato ustioni sul 20% del corpo e rischia di perdere un dito del piede, sul quale si è scaricata l’elettricità. Si tratta di ustioni di secondo e terzo grado.

Il diciassettenne – secondo i medici del Perrino - non è comunque in pericolo di vita. Sulla vicenda hanno avviato le indagini i carabinieri di Taranto. Indagini incrociate con quelle della polizia dopo il sopralluogo degli agenti della sezione volanti sul luogo. L’ipotesi del tentato furto di rame dalla cabina dell’Enel è avvalorata da segni di forzatura sullo sportello. Il lucchetto a chiusura dell’anta della cabina è stato scassinato come accertato dai poliziotti della scientifica insieme con il personale dell’azienda elettrica. Nel vano sono stati trovati anche numerosi attrezzi da lavoro, utilizzati proprio per aprire la cabina.

Recuperato anche un secchio di plastica già pieno di barre e contatti elettrici in rame separati dagli interruttori di manovra presenti. Dopo i rilievi, il personale dell’Enel ha ripristinato l’uso della corrente elettrica. Proseguono le indagini per accertare che la responsabilità del tentato furto sia effettivamente attribuibile al 17enne. I fatti sembrano comunque chiari e non lascerebbero spazio ad altre ipotesi. Il minore è stato salvato da un passante che lo ha portato al pronto soccorso dell’ospedale Moscati, poi il trasferimento al Perrino. Appena le sue condizioni lo permetteranno sarà ascoltato dagli investigatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al mercato senza mascherina, "Il Dpcm non è legge": multata

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Diffonde immagini intime di una donna: arrestato per revenge porn

  • Covid, Puglia: la curva non si abbassa, 32 nuovi decessi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento