Professore in pensione trovato morto in casa, il corpo era in decomposizione

Da quanto accertato l’uomo è morto da almeno una settimana, ad allertare i soccorsi i vicini di casa  allarmati da cattivi odori provenire dalla sua abitazione

SAN PIETRO VERNOTICO – Un uomo di 70 anni, professore di educazione tecnica in pensione, è stato trovato senza vita nella sua abitazione a San Pietro Vernotico in via Vespucci angolo via Fogazzaro, in pieno centro. Da quanto accertato l’uomo è morto da almeno una settimana, ad allertare i soccorsi i vicini di casa  allarmati da cattivi odori provenire dal suo appartamento.

Il 70enne viveva in una villetta a due piani, uno dei quali abitato dalla figlia che, però, in questo periodo sembrerebbe che vivesse al mare. Sul posto gli agenti della Polizia locale, i carabinieri, il personale del 118 e i vigili del fuoco. La salma è stata trovata in stato di decomposizione in un seminterrato arredato, intorno c'erano diversi oggetti. Il portellone della lavastoviglie era aperto.

Il medico legale intervenuto sul posto dall'ispezione cadaverica non è riuscita a stabilire a quando risale la morte e le cause. La salma è a disposizione della magistratura, ai carabinieri, coordinati dal maresciallo Vincenzo Maci, intervenuto personalemente sul posto, il compito di ascoltare parenti, vicini di casa e amici per ricostruire l'accaduto e stabilire la presunta data del decesso. Certo è che l'abitazione era chiusa dall'interno e su porte e finestre non c'erano segni di effrazione. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion si ribalta e sfonda spartitraffico: superstrada riaperta al traffico

  • Professore in pensione trovato morto in casa, il corpo era in decomposizione

  • Ucciso a 19 anni: si indaga sul movente. Il papà: "Perché tanta cattiveria"

  • Tute, scooter e passamontagna: i "Falchi" scoprono il covo dei rapinatori

  • Tamponamento tra furgone e trattore sulla provinciale: feriti i conducenti

  • “Aste giudiziarie, prove evidenti”: processo immediato per nove brindisini

Torna su
BrindisiReport è in caricamento