rotate-mobile
Cronaca

Sequestrati oltre 36.000 prodotti contraffatti e potenzialmente pericolosi per la salute pubblica

Le Fiamme Gialle della compagnia di Martina Franca, comune del Tarantino al confine con alcuni paesi del Brindisino (Ceglie, Cisternino, Ostuni e Villa Castelli) hanno eseguito una serie di interventi a contrasto della contraffazione

MARTINA FRANCA - Nei giorni scorsi le Fiamme Gialle della compagnia di Martina Franca, comune del Tarantino al confine con alcuni paesi del Brindisino (Ceglie, Cisternino, Ostuni e Villa Castelli) hanno eseguito una serie di interventi a contrasto della contraffazione dei marchi registrati e dell’illecita commercializzazione di prodotti non conformi e potenzialmente dannosi per la salute pubblica.

L’attività operativa, dispiegata su tutto il territorio di competenza del Reparto, comprensivo dei Comuni di Martina Franca, Crispiano, Grottaglie, Massafra, Monteiasi e Montemesola, ha permesso di individuare e di sottoporre complessivamente a sequestro oltre 36.000 prodotti, tra i quali giocattoli recanti il marchio contraffatto di note case produttrici, cosmetici, decorazioni, articoli elettrici e casalinghi, privi delle informazioni previste dal “Codice del Consumo” concernenti la denominazione legale o merceologica del prodotto, l’identità del produttore, il Paese di origine, nonché l’eventuale presenza di sostanze in grado di arrecare danno all’uomo o all’ambiente.

All’esito dei pertinenti approfondimenti investigativi sono stati segnalati alle competenti Autorità 4 responsabili. Le indagini dei finanzieri della Compagnia di Martina Franca sono ora finalizzate alla disarticolazione della catena logistica, organizzativa e strutturale delle filiere, nonché al recupero a tassazione dei proventi derivanti da tali condotte illecite. La contraffazione e il commercio di prodotti non genuini e insicuri danneggiano il mercato, sottraendo opportunità e lavoro alle imprese che rispettano le regole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrati oltre 36.000 prodotti contraffatti e potenzialmente pericolosi per la salute pubblica

BrindisiReport è in caricamento