Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Scoperti dai poliziotti mentre bruciavano cavi elettrici: fuga e sequestro

La scoperta è stata fatta grazie a una segnalazione giunta al centralino della Questura

BRINDISI – Sequestro di oltre tre quintali di rame da parte degli agenti della Sezione volanti della questura di Brindisi nella mattinata di oggi, mercoledì 25 settembre.

La scoperta è stata fatta grazie a una segnalazione giunta al centralino della Questura: un cittadino ha riferito della presenza di tre persone “indaffarate” nei pressi di un furgone di colore bianco, in contrada Restinco. Gli agenti mentre si recavano sul posto hanno notato una piccola colonna di fumo nei pressi della zona segnalata. Al loro arrivo tre persone si sono date alla fuga disperdendosi nelle campagne.

I poliziotti hanno accertato che i tre fuggitivi erano intenti a bruciare la copertura in plastica di numerosi fili elettrici al fine di ricavarne il rame. Nel furgone c’erano numerosi cavi elettrici, per un peso complessivo di oltre tre quintali, oltre a 24 batterie accumulatori. Sono stati rinvenuti anche abiti e attrezzi da scasso. Sono in corso le indagini al fine di risalire all’individuazione degli autori del reato.

Risale al 19 settembre scorso un grosso furto di cavi elettrici dall'impianto di illuminazione della strada dei Pittachi a Brindisi. Furono asportati 25 metri di cavi poche ore dopo il ripristino del sistema di illuminazione. Non è da escludere che i due episodi, il ritrovamento odierno e il furno, non siano collegati. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scoperti dai poliziotti mentre bruciavano cavi elettrici: fuga e sequestro

BrindisiReport è in caricamento