Trovati flaconi di fitofarmaci abbandonati in un terreno: denuncia e sequestro

Trovati nel corso di un controllo congiunto dei carabinieri forestali della stazione di Ceglie Messapica e dei militari dell’Ispettorato del Lavoro di Brindisi

VILLA CASTELLI - Nel corso di un controllo congiunto dei carabinieri forestali della stazione di Ceglie Messapica e dei militari dell’Ispettorato del Lavoro di Brindisi, sono stati trovati rifiuti derivanti dall’attività agricola all’interno di un fondo rustico, in contrada Carnevale in comune di Villa Castelli.

Si tratta di imballaggi di prodotti fitosanitari e teli in plastica per la protezione delle colture. La superficie interessata è stata sottoposta a sequestro preventivo di iniziativa, al fine di sottrarla alla prosecuzione dell’illecita utilizzazione. I terreni risultano riconducibili a una società di cui è titolare C.D., 50enne di Taranto, che è stato denunciato per deposito incontrollato di rifiuti (art. 256 comma 2 del decreto legislativo 152 del 2006, meglio noto come Testo unico dell’Ambiente).

Trattandosi di rifiuti anche pericolosi, il trasgressore non potrà giovarsi dei benefici introdotti dalla legge 68 del 2015, per la definizione in via amministrativa delle contravvenzioni in materia ambientale, subordinata all’ ottemperanza alle modalità ed ai tempi prescritti per il ripristino dello stato dei luoghi. E’ invece prevista la generale applicazione della norma penale, con il pagamento di ammenda da 2.600 a 26.000euro e l’ arresto da 6 mesi a 2 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta sulla provinciale: deceduto conducente

  • Nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo. La Puglia tornerà arancione

  • Muore a 19 anni dopo forti emicranie: indagati due medici del Perrino

  • Violento impatto fra auto e moto in città: un giovane in ospedale

  • Covid, "furbetti del vaccino": ispezione dei Nas al Perrino

  • Puglia in zona gialla: dagli spostamenti alle aperture di bar, ristoranti e negozi, le regole fino al 15 gennaio

Torna su
BrindisiReport è in caricamento