Martedì, 16 Luglio 2024
Attualità

Deposito Gnl, si chiariscano le misure di sicurezza per il raccordo ferroviario

Il Partito Democratico di Brindisi, in un comunicato stampa, rilancia la richiesta di confronto sul tema che riguarda l'installazione dell'impianto Edison a Costa Morena Est

BRINDISI - Sul progetto vige molta confusione, serve chiarezza per avviare un Consiglio comunale monotematico. Questa, in estrema sintesi, è la posizione del Partito democratico di Brindisi sulla questione Edison che riguarda l'installazione del deposito Gnl preso Costa Morena Est. Un tema che in città, com'è giusto che sia, sta monopolizzando il dibattito pubblico. 

Il Pd ha da sempre considerato tale progetto coerente con il processo di transizione ecologica che dovrebbe interessare il territorio, ma del tutto inidoneo in relazione alla localizzazione prescelta.

Del resto "per alcuni aspetti progettuali e procedurali c'è un racconto fuorviante, se non addirittura poco corrispondente al vero", si legge in un comunicato stampa diffuso dallo stesso partito, che prosegue:  "Nelle relazioni ufficiali depositate e consultabili a corredo del progetto, ad esempio, il raccordo ferroviario viene considerato tutt’altro che operativo. Infatti, proprio nel rapporto preliminare di sicurezza per la fase di nulla osta di fattibilità (Nof) redatto nello scorso mese di luglio, si legge che l’area di impianto è attraversata da binari ferroviari destinati al trasporto merci dal porto e al momento non sono ancora utilizzate, né alimentate elettricamente. Ad oggi (sottolineamo ad oggi) non sono previsti carichi di merci pericolose". 

Dalla lettura dell'atto, si evince che se il raccordo ferroviario fosse considerato operativo anche ai soli fini del Nof, il rapporto preliminare di luglio 2023 avrebbe dovuto contenere un aggiornamento delle procedure di sicurezza e così non sembra essere.

Sempre secondo quanto riportato nella nota del PD: "Destituita da fondamento sembra essere, inoltre, la circostanza che le modifiche al progetto sono da leggere alla luce della nuova normativa in materia di impianti di gestione di biogas. Infatti, basta leggere con attenzione la deliberazione regionale 859/2022 per comprendere che l’allacciamento bidirezionale alla esistente rete nazionale di trasporto del gas, lungi dall'essere motivato da ragioni di sicurezza nel trattamento di biogas, inerisce l’attuale contingente situazione di grave crisi energetica internazionale".

Tant'è che la stessa Edison, con nota del 8 aprile 2022, informa che "solo attraverso un collegamento alla rete"... "la ricezione e liquefazione di biometano e l’immissione del Bog (boil-off gas)" potrebbero garantire "la necessità di aumentare le scorte di gas nel Paese".

"Sorprende, infine, leggere che Edison stia valutando ulteriori variazioni al progetto con l'impianto che tornerebbe ad essere un mero deposito - fa sapere il Partito Democratico di Brindisi - Se tale affermazione, da un lato, sembra avallare l'opinione diffusa che le modifiche sostanziali apportate all'impianto abbiano considerevolmente mutato quella natura di "mero deposito" sulla quale si sono espressi gli enti ed è stato consumato il procedimento autorizzativo, dall'altro lato appare essere una dichiarazione del tutto avulsa dai dati oggettivi presenti nel Rapporto Preliminare di Sicurezza per la fase di nulla osta di fattibilità (Nof) depositato nel luglio 2023".

Per concludere, il Partito Democratico di Brindisi ritiene che sia necessario un sollecito confronto finalizzato ad esaminare problematiche che oggi appaiono di difficile soluzione come, ad esempio, l'adeguatezza delle misure di sicurezza (anche e soprattutto in riferimento al raccordo ferroviario), la compatibilità con i progetti di Enel ed Enel Logistics e le sostanziali modifiche apportate al progetto per consentire l'allacciamento alla rete nazionale. 

Pertanto anche alla luce della significativa partecipazione alla manifestazione di ieri (24 agosto), tiene a sollecitare tutte le parti interessate ad immediata chiarezza per poter mettere nelle condizioni il Consiglio comunale, quando si riunirà in seduta monotematica, di avere un quadro chiaro del progetto e poter esprimere in maniera consapevole una posizione definitiva.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Deposito Gnl, si chiariscano le misure di sicurezza per il raccordo ferroviario
BrindisiReport è in caricamento