menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il nuovo sequestro eseguito dal Noe di Lecce

Il nuovo sequestro eseguito dal Noe di Lecce

Fotovoltaico, staccata spina a 5 impianti

SAN DONACI - Oltre a confermare il sequestro hanno anche staccato la spina ed è uno dei primi casi in assoluto in cui, insieme ai sigilli

SAN DONACI - Oltre a confermare il sequestro hanno anche staccato la spina ed è uno dei primi casi in assoluto in cui, insieme ai sigilli, scatta anche il blocco della produzione con la conseguente interruzione dell’erogazione degli incentivi statali per i furbetti del fotovoltaico, coloro cioè che mettendo insieme più impianti da potenza inferiore a un megawatt e quindi realizzabili senza Via ma con una dichiarazione di inizio attività, pensavano di aggirare l’ostacolo.

Tra costoro ci sono gli amministratori di cinque società che avevano investito a San Donaci nelle energie alternative realizzando un parco che ricopre complessivamente una superficie di 50 mila metri quadri per un valore complessivo di 30 milioni di euro. Stamani i carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Lecce, al comando del maggiore Nicola Candido hanno eseguito nuovamente il sequestro (disposto nel marzo del 2011 poi revocato dal Tribunale del Riesame di Brindisi e infine confermato dallo stesso tribunale dopo una sentenza della Cassazione che aveva annullato con rinvio) e applicato in contrada Monticello anche un nuovo provvedimento del procuratore aggiunto Nicolangelo Ghizzardi, con cui si stabilisce lo stop alla produzione e quindi alla vendita di energia al gestore.

Si tratta di un passaggio fondamentale nelle inchieste che vengono condotte sull’artificioso frazionamento dei parchi fotovoltaici che, se irregolari, hanno un impatto sull’ambiente non sottoposto a controllo e autorizzazione preventiva. La necessità di impedire alle società interessate di continuare a lucrare è finalizzata principalmente a far sì che le stesse abbiano interesse a dismettere gli impianti non a norma. Diversamente si continua a produrre energia per tutta la durata dei procedimenti che possono durare anche diversi anni e, tenuto conto che un campo fotovoltaico ha efficienza massima di vent’anni, va a finire che chi lo ha costruito riesce comunque a far fruttare l’investimento, nonostante l’intervento della magistratura.

Stamattina sono stati disconnessi gli impianti fotovoltaici riconducibili alla Societa’ agricola energetica europea cui facevano riferimento le intestatari dei singoli impianti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le nuove aperture in pandemia, simbolo di coraggio e speranza

Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: nuovi casi scendono sotto quota 1000, altri 27 decessi

  • Politica

    Torre Guaceto: Brindisi punta alla rotazione della presidenza

  • Emergenza Covid-19

    Apertura strutture turistiche, una soluzione dal passaporto sanitario

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento