rotate-mobile
Cronaca

Pesca a strascico in zona vietata: sequestro e multa da 2mila euro

Il prodotto ittico, circa 60 kg costituito principalmente da triglie, pannocchie e merluzzi, a seguito giudizio di idoneità al consumo è stato devoluto in beneficenza ad alcuni enti caritatevoli della zona

BRINDISI - Importante operazione in materia di pesca da parte del personale della Guardia Costiera di Brindisi. Durante un’attività di vigilanza delle locali attività di pesca, la motovedetta d’altura Cp 281 ha sorpreso un peschereccio intento a pescare a strascico in un tratto di mare non consentito: Effettuava una battuta di pesca a circa un miglio e mezzo di distanza dall’imboccatura del Porto di Brindisi, in una zona individuata esclusivamente quale area per l’instradamento del traffico e all’interno della quale sono vietate la pesca, la balneazione, la sosta e qualsiasi altra attività subacquea o di superficie diversa dal transito.

sequestro pesce capitaneria-2

A seguito dell’accertamento dell’infrazione, il personale della motovedetta Cp 281 ha intimato al peschereccio di salpare l’attrezzo da pesca utilizzato in modo irregolare e lo ha successivamente scortato all’interno del Porto di Brindisi. A carico del comandante del peschereccio è stata elevata la prevista sanzione amministrativa di  2.000 euro, unitamente alla registrazione dell’infrazione nell’ambito del “sistema a punti” in vigore per le licenze di pesca.  

Sono state inoltre applicate le previste sanzioni accessorie, ovvero il sequestro amministrativo dell’attrezzo da pesca e del pescato. Il prodotto ittico in questione (circa 60 kg costituito principalmente da triglie, pannocchie e merluzzi), a seguito giudizio di idoneità al consumo umano formulato dai medici del Servizio Veterinario dell’Asl di Brindisi intervenuti sul posto, è stato devoluto in beneficenza ad alcuni enti caritatevoli della zona. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pesca a strascico in zona vietata: sequestro e multa da 2mila euro

BrindisiReport è in caricamento