rotate-mobile
Cronaca Cellino San Marco

Ragazzina precipitata in una cisterna: la famiglia presenta denuncia per cercare i responsabili

E' accaduto venerdì 28 luglio. Secondo il legale della famiglia, l’avvocato Francesco Cascione, ex sindaco di Cellino San Marco, l’area dove sorge la grotta è comunale

CELLINO SAN MARCO – Chiede “l’identificazione e la punizione dei responsabili” la famiglia della ragazzina di 12 anni che il 28 luglio scorso è precipitata in una botola sita all’interno del terreno recintato che ospita la grotta in onore della Madonna di Lourdes a Cellino San Marco, sita all’incrocio tra via Mascagni e via Oria. Nella mattinata di domenica 30 luglio, il padre della minorenne ha sporto denuncia-querela contro ignoti “per tutti i reati che dovessero essere ravvisabili”. In seguito alla caduta la ragazzina ha riportato contusioni guaribili in 10 giorni, oltre che un forte trauma psicologico. 

E’ caduta a una profondità di circa quattro metri non appena ha messo il piede su una lastra di cemento che copriva una cisterna di raccolta delle acque piovane. Lo spavento è stato tanto, le sue urla hanno attirato l’attenzione dei passanti, uno uomo che abita nelle vicinanze l’ha raggiunta con una scala tirandola fuori. Nel frattempo erano anche stati allertati i vigili del fuoco. Sul posto si sono recati gli agenti della Polizia locale di Cellino San Marco, diretti dalla commissaria Luana Casalini e i carabinieri. Richiesto anche l’intervento del 118. 

Secondo il legale della famiglia, l’avvocato Francesco Cascione, ex sindaco di Cellino San Marco, l’area dove sorge la grotta è comunale e la manutenzione della cappella, quindi, spetterebbe all’amministrazione. Non alla Curia come si potrebbe pensare. Alla denuncia è stato allegato un video girato dalla stessa ragazzina poco prima di precipitare che mostra "in diretta" il momento della caduta. La 12enne non immaginava di certo quello che stava per accadere. 

“Sono stati fatti diversi solleciti da parte dei fedeli per ottenere la manutenzione, l’amministrazione precedente aveva anche stanziato 3mila euro da essere destinati ai lavori di cui necessita questo luogo di culto molto caro ai fedeli cellinesi. L’attuale amministrazione ha stornato quella somma in un altro capitolo. Probabilmente occuparsi della grotta non è importante. Andremo fino in fondo per trovare i responsabili di quanto accaduto venerdì scorso”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazzina precipitata in una cisterna: la famiglia presenta denuncia per cercare i responsabili

BrindisiReport è in caricamento