Domenica, 19 Settembre 2021
settimana

Gradimento dei sindaci: Decaro primo, Rossi nella parte bassa della classifica

Il primo cittadino di Brindisi non raggiunge il 50 percento di apprezzamento da parte dei cittadini nella rilevazione del Sole 24 Ore

BRINDISI - Il sindaco di Bari Antonio Decaro guida la classifica 2021 dell'indice di gradimento dei primi cittadini italiani. Per trovare il suo omologo brindisino, Riccardo Rossi, bisogna scorrere e scorrere, giungere alla 94esima posizione, ex aequo con Virginia Raggi (Roma) e Chiara Appendino (Torino). Il primo cittadino di Brindisi, rispetto alla scorsa rilevazione, perde oltre 13 punti percentuali. E' la "governance poll" del Sole 24 Ore, appuntamento annuale con l'indice di gradimento dei sindaci e dei presidenti di Regione italiani. E' un giudizio espresso sull'operato complessivo. La domanda posta agli intervistati è: "Se domani ci fossero le elezioni comunali (o regionali), lei voterebbe a favore o contro l’attuale sindaco (o presidente di Regione)"?

Sicuramente, pandemia a parte, è stato un anno difficile per Riccardo Rossi. Alle prese con crisi, rimpasti e litigi vari, il sindaco perde quota nel gradimento dei propri cittadini. Il giorno più difficile per Rossi è stato probabilmente il 17 novembre 2020, giorno delle dimissioni dell'assessore al Bilancio Cristiano D'Errico. In mattinata D'Errico dichiara che "questo non è il mio bilancio". Ma i colpi di scena della giornata non sono finiti: in serata la Giunta non riesce ad approvare lo schema di bilancio 2020-2022. Si aprono le porte alla nomina di un commissario ad acta. Bisognerà quindi attendere il 22 dicembre 2020 per l'approvazione.

Il primo marzo 2021 Riccardo Rossi dichiara a sorpresa: Giunta azzerata. Si riparte con una (nuova?) squadra. Il sindaco di Brindisi ha preso questa decisione perché alcuni tasselli sono ancora vacanti, primo fra tutti l'assessorato al Bilancio. E per "ripartire" e dare una svolta. Bisognerà attendere il 25 marzo per il varo del "Rossi bis". Sicuramente il capitolo "bilancio" non porta fortuna al primo cittadino. Il 2020 era iniziato con il piano di riequlibrio pluridecennale, che aveva evidenziato una massa debitoria pari a 55 milioni di euro, da ripianare in 20 anni.

Sì, il bilancio non porta decisamente fortuna. E' notizia del 17 aprile 2021 la notifica di un avviso di conclusione delle indagini a carico di Riccardo Rossi. L'inchiesta è scaturita da una denuncia sporta dall'ex dirigente ai Servizi finanziari, Simone Simeone. Rossi, secondo l'accusa, avrebbe cercato di costringere il dirigente dei Servizi finanziari a compiere un atto contrario ai propri doveri di ufficio. Il sindaco è accusato "di aver usato minaccia, con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, nei confronti dell'ex dirigente Simeone, al fine di costringerlo a compiere un atto contrario ai propri doveri di ufficio".

E' cronaca recente, invece, la diffida da parte della Prefettura ad approvare il bilancio entro venti giorni. E' notizia del 1 luglio 2021. Si parla del bilancio previsionale 2021-2023. Se il termine non verrà rispettato, sarà nominato un commissario, con rischio di scioglimento del Consiglio comunale. Insomma, nonostante il caldo, l'estate di Rossi comincia col brivido. Ci sarebbe poi il capitolo degli scontri di Riccardo Rossi, ma sarebbe troppo lungo. Schermaglie con il consigliere regionale Fabiano Amati a parte, l'ultima polemica in ordine di tempo è quella tra il sindaco di Brindisi e la Soprintendenza. Oggetto del dibattere: la gestione di Forte a mare. Insomma, un anno non proprio all'insegna della serenità quello appena trascorso per Riccardo Rossi. Anche gli episodi elencati possono aver determinato il crollo nella classifica del Sole 24 Ore.

Per quanto riguarda gli altri sindaci pugliesi, come detto, Antonio Decaro, sindaco di Bari, guida la classifica nazionale, nonostante la perdita di un punto e tre decimali rispetto allo scorso anno. Per trovare il secondo sindaco pugliese bisogna scendere fino al 45esimo posto, dove c'è Giovanni Bruno di Andria. Carlo Maria Salvemini, di Lecce, occupa la 51esima piazza. Rinaldo Melucci (Taranto) riesce a fare, per il Sole 24 Ore, peggio di Rossi: 102esima piazza. Non è in classifica Foggia, il cui sindaco, Franco Landella, si è dimesso il 4 maggio ed è stato arrestato il 21 maggio scorso. Per quanto riguarda i presidenti di Regione, Luca Zaia (Veneto) guida la classifica. Per il pugliese Michele Emiliano, 11esima piazza, con sei punti percentuali recuperati rispetto alla scorsa rilevazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gradimento dei sindaci: Decaro primo, Rossi nella parte bassa della classifica

BrindisiReport è in caricamento