rotate-mobile
Calcio

Il Brindisi doma anche il Gladiator: contro la Cavese spareggio per la C

Santoro e Opoola regalano ai biancazzurri il duello decisivo per la promozione in terza serie che vedrà i blufoncè come avversari. La gara si giocherà domenica 14 maggio su campo neutro

Missione compiuta per il Brindisi: allo stadio Mario Piccirillo di Santa Maria Capua Vetere la formazione allenata da Ciro Danucci ha avuto la meglio per 2-0 sul Gladiator, replicando di fatto al roboante succcesso della Cavese conttro la Nocerina (risultato di 2-1) e guadagnandosi di fatto l'opportunità di giocarsi la promozione in Serie C domenica 14 maggio, su campo neutro.  La gara è stata tesa e complicata per i biancazzurri, che si sono sbloccati mentalmente grazie alla rete di Santoro a fine primo tempo; una rinnovata convinzione e gli aggiustamenti di Danucci nella seconda tempo hanno poi permesso di chiudere i conti con il gol di Opoola giunto al 60'. Tra una settimana ci sarà un appuntamento storico per un'intera piazza che attende in maniera spasmodica il ritorno tra i professionisti.

Nelle fasi iniziali della gara, condizionato dal primo forte caldo della stagione, il Brindisi ha provato ad impadronirsi delle redini del gioco tramite il palleggio, trovando di fronte un Gladiator compatto e aggressivo sul pallone che ha indotto la formazione biancazzurra a qualche errore in disimpegno. I ritmi si sono leggermente alzati quando il Brindisi ha alzato il baricentro e fatto valere tutto il suo potenziale tecnico. Al 12' Santoro è stato imbeccato in profondità, l'attaccante ha servito Dimodugno per una botta di prima all'interno dell'area, respinta da un difensore dei padroni di casa: gli ospiti hanno protestato per un tocco di braccio, ma l'arbitro ha lasciato correre. Troppa imprecisione in fase di possesso per gli uomini di Danucci,probabilmente  in tensione per l'importanza della posta in palio; c'è da dire anche che il Gladiator è stato bravo ad addormentare la gara, con le linee di passaggio ben coperte e i reparti tenuti stretti. In questa situazione Dammacco ha tentato il tiro dalla distanza, facilmente bloccato da Bufano. La formazione guidata da Teore Grimaldi si è fatta vedere per la prima volta dalle parti di Vismara al 35', con il tentativo dalla distanza di Marianelli disinnescato dal portiere classe 2003. Forcing Brindisi negli ultimi minuti del primo tempo: Dammacco, dopo una triangolazione, ha lasciato partire un destro troppo debole per impenserire l'estermo difensore dei campani. Ma, proprio al 45', i biancazzurri hanno trovato il gol del vantaggio con Santoro, il cui colpo di testa (assist su cross di Valenti) ha baciato il palo prima di depositarsi in rete.

La ripresa

Sotto per 1-0, il Gladiator ha cambiato il game plan alzando il baricentro e spingendo di più rispetto alla prima frazione. D'altro canto il Brindisi ha potuto trovare più spazio per manovrare, con Danucci che ha inserito Maltese per Dammacco in modo da infoltire la mediana.  La partita è stata un po' più frizzante, ma per vedere uno spunto offensivo si è dovuto aspettare fino al 56', quando il terzino sinitro Tomi, a seguito di una diagonale difensiva, si è portato in avanti e ha scoccato un diagonale termianto però fuori dallo specchio della porta. Il Brindisi, al primo affondo nella ripresa, ha colto il raddoppio grazie ad Opoola, uno degli elementi più frizzanti degli ospiti: l'attaccante classe 2004 ha prima impegnato Bufano in uscita bassa, successivamente ha battuto di testa il portiere sugli sviluppi del corner da lui stesso guadagnato (60'). Danucci ha  mischiato le carte in seguito alle sostituzioni dando equilibrio alla squadra non abbassando la pericolosità offensiva; ancora una volta dunque sono state decisive le mosse dell'allenatore ex Fasano, che ha spronato i suoi anche nel momento in cui la partita sembrava in cassaforte. Susgli sviluppi di un calcio d'angolo, Sirri ha cercato di firmare il tris tramite una girata mancina domata però da Bufano. Nel finale il Brindisi ha gestito senza correre troppi rischi, anche se al 92' il tiro deviato da De Biase ha costretto Vismara ad intervenire. 

Gladiator-Brindisi, il tabellino

BRINDISI: Vismara, Cancelli, Dammacco (4’ st Maltese), Triarico,Valenti ( 16’ st Stauciuc), Malaccari ( 16’st Ceesay), Opoola (25’ st Esposito), Sirri, Di Modugno, Santoro (16’ st Baldan). A DISPOSIZIONE: Di Fusco, Esposito, Felleca, De Rosa, Ceesay, Palumbo, Baldan, Maltese, Stauciuc. ALLENATORE: Ciro Danucci.

GLADIATOR: Bufano, Magliocca (10’ st Cipolletta), Tomi, Caruso, De Caro, Gargiulo (16’ st Orazzo), Squerzanti, Marianelli ( 28’ st Pietrolungo), Tedesco ( 16’ st Panaglioli), Corigliano ( 8’ st Mele), De Biase. A DISPOSIZIONE: Maresca, Cipolletta, Orazzo,Mancini, Ciampi, Mele, Pietroluongo, Nicolau, Panaglioli. ALLENATORE: Luigi Grimaldi.

MARCATORI: 45’ pt Santoro (BR), 15’ st Opoola (BR).

AMMONITI: 7’ pt Gargiulo (G).

ESPULSI:

RECUPERO PRIMO TEMPO: 1’.

RECUPERO SECONDO TEMPO: 5’.

Fonte tabellino: comunicato ufficiale Brindisi

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Brindisi doma anche il Gladiator: contro la Cavese spareggio per la C

BrindisiReport è in caricamento